sinistra europea: il manifesto

admin 31 dicembre 2013 0
sinistra europea: il manifesto

 

Manifesto del partito

Una nuova speranza sta nascendo in Europa. Una nuova visione del mondo sta ispirando un numero crescente di europei e li unisce in grandi mobilitazioni nell’opposizione alla via a senso unico capitalista, un tentativo di riportare l’umanità in una nuova regressione sociale e culturale. La condizione dei popoli, dei soggetti sociali e degli individui è segnata da insicurezza, incertezza e precarietà. Una nuova resistenza contro lo sfruttamento capitalista sta emergendo con forza. C’è una nuova opportunità di cambiamento che attraversi la vita di donne e uomini sempre più colpiti dai disastri prodotti dalle politiche della globalizzazione capitalista.
Le nuove forme del potere a livello mondiale portano alla crisi negli stati nazione, dei sistemi di alleanze e dell’ordine nato dopo la Seconda Guerra Mondiale. La teoria e la guerra permanente, così come descritta dalla dottrina Bush, la spirale della violenza terrorista che la guerra alimenta causano crescenti ingiustizie e la riduzione degli spazi democratici.
Per noi l’Europa è uno spazio per la rinascita della lotta per un’altra società. Il raggiungimento della pace e la trasformazione dell’attuale società capitalista è lo scopo di questa impresa. Noi lottiamo per una società che superi il capitalismo e la logica patriarcale. Il nostro obiettivo è l’emancipazione umana, la liberazione delle donne e degli uomini da ogni forma di oppressione, sfruttamento ed esclusione.
Ci richiamiamo ai valori e alle tradizioni del movimento socialista, comunista e dei lavoratori, del movimento femminista e dell’uguaglianza di genere, del movimento ecologista e per uno sviluppo sostenibile, della pace e della solidarietà internazionale, dei diritti umani, dell’umanesimo e dell’antifascismo, del pensiero liberal-progressista, sia a livello nazionale che internazionale.
Ruolo e compito della sinistra politica in Europa deve essere contribuire alla formazione di un’ampia alleanza sociale e politica per un cambiamento radicale che sviluppi alternative e proposte concrete per la necessaria trasformazione dell’attuale società capitalista. In questo senso ci vediamo responsabili e misuriamo la nostra capacità di coinvolgere tutti coloro si battano per una società più giusta come condizione per il libero sviluppo e l’autodeterminazione di ognuna/o. Vogliamo costruire una politica di sinistra durevole come progetto politico indipendente che contribuisca allo sviluppo di alternative solidali, democratiche sociali ed ecologiche.
Per questo l’Unione europea, così come l’intero continente europeo, stanno sempre di più diventando uno spazio importante per politiche di alternativa, accanto ai tradizionali livelli politici degli stati nazione, delle regioni e dei comuni e interconnessa agli sviluppi mondiali. Assistiamo ad un impatto su scala mondiale del movimento dei movimenti, per un’altra globalizzazione, alla crescita delle sue relazioni, cooperazione così come della sua influenza con e dentro i tradizionali movimenti sociali, dei lavoratori, femministi, ambientalisti e democratici nei termini di una nuova partecipazione al conflitto per il cambiamento.
Tutti questi movimenti oppongono allo “spazio privato” dei poteri forti mondiali uno “spazio pubblico” abitato da differenti soggetti che reclamano diritti fondamentali: pace, democrazia, giustizia sociale, libertà, eguaglianza di genere e rispetto per la natura. La sinistra politica è parte di questi. Tutto ciò dà nuove risorse per una politica di trasformazione.
Nei diversi paesi europei straordinarie esperienze politiche e culturali e lotte sociali hanno segnato il carattere originale del modello sociale europeo. Facciamo riferimento a queste radici politiche e culturali e non ai valori del mercato che oggi materialmente definiscono l’Europa, in particolare attraverso le politiche del trattato di Maastricht e le decisioni della Banca centrale europea.
In Europa, in ciascuno dei nostri paesi, i popoli stanno subendo le politiche del capitalismo globalizzato, portate avanti dai governi nell’interesse del grande capitale e di lobbies, che minano la solidarietà e le conquiste sociali frutto di grandi battaglie. C’è un attacco generalizzato ai sistemi pensionistici, lo smantellamento e la privatizzazione dello stato sociale, settori pubblici essenziali come la sanità, l’educazione, la cultura e beni comuni come l’acqua e le altre risorse naturali sono sottomessi alla legge del mercato. Il mercato del lavoro è sempre più deregolamentato e sempre di più il lavoro diventa precario.Vi è un incremento della repressione antisindacale e una politica criminalizzazione dell’immigrazione.
Tutto è mercificato. Dal lavoro all’intero ciclo vitale. Nell’Europa attuale la disoccupazione e l’insicurezza stanno aumentando. Assistiamo ad una militarizzazione esterna, come dimostrato nelle guerre dei Balcani , in Afghanistan ed Iraq, e ad una militarizzazione interna attraverso leggi liberticide e repressive contro chi si oppone alle politiche neoliberiste. Questo processo sta allontanando settori crescenti della società dalla politica e producendo guerre tra poveri, il rinascere del populismo, del razzismo e dell’antisemitismo.
La terza via socialdemocratica in Europa è fallita, poiché è stata incapace di opporsi e queste tendenze e, non avendo alternative, le ha promosse. Questo fallimento apre nuove spazi e anche grandi responsabilità per la sinistra che vuole cambiare questo mondo. Ma non possiamo percorrere lo stesso cammino del 20 secolo, che ha portato a grandi conquiste ma anche a grandi sconfitte e tragedie per le forze di ispirazione rivoluzionaria.
Per cambiare la società dobbiamo ampliare la nostra azione. In Europa la sfida è la costruzione di una sinistra alternativa, radicale, femminista e ambientalista. La natura plurale dei movimenti può essere attraversata da questa nuova forza politica in quanto vogliamo costruire un nuovo rapporto tra politica e società.
Vogliamo costruire un progetto per un’altra Europa e per dare altri valori e contenuti dell’Unione Europea, autonoma dall’egemonia degli USA, aperta al sud del mondo, alternativa al capitalismo nel suo modello sociale e politico, fortemente contraria alla militarizzazione e alla guerra, a favore della protezione ambientale e del rispetto dei diritti umani, inclusi quelli sociali ed economici . Noi siamo a favore del diritto di cittadinanza per tutti coloro che risiedono in Europa.
Vogliamo un’Europa libera dalle politiche antidemocratiche e neoliberiste del WTO, della Banca Mondiale e del Fondo Monetario Internazionale, che rifiuti la NATO, la presenza di basi militari straniere e qualsiasi modello di esercito europeo che punti ad aumentare la competizione militare nel mondo e la corsa al riarmo. Vogliamo un’Europa di pace e solidarietà, libera dalle armi nucleari e di distruzione di massa, un’Europa che ripudi la guerra come strumento di soluzione delle controversie internazionali. In particolare ciò riguarda il conflitto israelo-palestinese che va risolto in base alle risoluzioni delle Nazioni Unite.
Noi, forze politiche di sinistra di questo continente, vogliamo contribuire alla nascita di una nuova forza di cambiamento.
Noi, partiti e organizzazioni politiche di ispirazione comunista, socialista, femminista, democratica, ambientalista, antiliberisti e per la trasformazione sociale, vogliamo dar vita ad un nuovo soggetto politico: Il Partito della Sinistra Europea.
Vogliamo dar corpo a questa speranza per affrontare in termini nuovi le questioni della globalizzazione, della pace mondiale, della democrazia e della giustizia sociale, dell’uguaglianza di genere, dell’autodeterminazione delle persone disabili, di uno sviluppo bilanciato e sostenibile, del rispetto delle specificità culturali, religiose, ideologiche, e dell’orientamento sessuale.
Vediamo la necessità di una profonda trasformazione sociale e democratica in Europa. Sì, è venuto il tempo di intensificare la lotta per modificare il dogma della “sacrosanta” “libera economia di mercato”, del potere dei mercati finanziari e delle multinazionali, e di rendere i nostri cittadini e le nostre cittadine protagonisti e protagoniste delle politiche portate avanti in loro nome.
Di fronte alla recessione e alla crescita della disoccupazione, il Patto di stabilità, le politiche e gli orientamenti della Banca centrale europea devono essere cambiati per lavorare ad altre politiche sociali ed economiche con priorità sociali in favore della piena occupazione e della formazione, dei servizi pubblici e per una politica ambiziosa di investimenti, per l’ambiente. Deve essere imposta la tassazione dei flussi di capitale. Le priorità devono essere cambiate, in favore delle persone, non del denaro.
Ci proponiamo di lavorare in tutta Europa per far avanzare i diritti dei lavoratori dipendenti nei loro posti di lavoro. Consideriamo i servizi pubblici come indispensabili per garantire a tutti il diritto di uguale accesso all’educazione, all’acqua, al cibo, alla salute, energia, alla mobilità. Siamo a favore di servizi pubblici democratizzati, decentralizzati e moderni che garantiscano eguali diritti sociali per tutti e tutte.
Oggi dieci nuovi paesi stanno entrando nell’Unione europea e altri hanno espresso il loro desiderio di fare altrettanto. Ma ci sono significative forze politiche e sociali, sia in questi paesi che in quelli già membri dell’Unione, che vedono l’allargamento con delle riserve se non con aperta ostilità. Queste tendenze sono rafforzate dall’impasse causato dalle attuali scelte strategiche dell’Unione.
Il Partito della Sinistra europea vuole far fronte anche alle sfide poste dai paesi ora fuori dall’Ue – come i paesi balcanici e i paesi dell’est – soprattutto a causa della loro trasformazione e del crescente dilemma della scelta tra uno sviluppo autonomo e l’adesione all’Europa capitalista, come strategia di medio termine per affrontare i conflitti sorti in queste società come risultato dei cambiamenti passati e presenti. La sinistra europea è pronta a cooperare con tutte le forze democratiche di questi paesi in favore della democrazia, della pace e della giustizia sociale, dello sviluppo sociale ed economico e di rafforzare le istituzioni democratiche.
Lotteremo affinchè le istituzioni elettive, il Parlamento europeo e i parlamenti nazionali, e i comitati rappresentativi, come il Comitato economico e sociale e il Comitato delle regioni, abbiano più potere di azione e controllo. Oggi, qualsiasi possa essere il nostro parere definitivo sul “Trattato costituzionale” in discussione, ci opponiamo ad un direttorato dei poteri forti. Non accetteremo che ci vengano imposti criteri ultraliberali e di militarizzazione che producono una sostanziale regressione sociale.
Ci batteremo incessantemente per ampliare l’azione, la partecipazione e il potere di controllo dei cittadini in ogni fase e livello della costruzione europea.
Infine, ciò che è il cuore della crisi dell’Unione europea è la democrazia. Per decenni è stata costruita dall’alto, senza curarsi della sua grande diversità di culture e linguaggi, senza le sue popolazioni e spesso contro di esse.
Ma finalmente qualcosa sta cominciando a cambiare. Le grandi lotte sociali, dei lavoratori e dei sindacati, le lotte della società civile contro la guerra, hanno iniziato a cambiare la situazione. In pochi anni hanno contribuito a creare una grande mobilitazione in sostegno della pace, dell’uguaglianza dei diritti umani, del rispetto per il pianeta. Come forze politiche della trasformazione sociale, vogliamo contribuire a queste nuove spinte che si oppongono risolutamente alle politiche neoliberiste. I Social Forum sono stati momenti fondamentali di dibattito, di confronto e di costruzione di alternative popolari all’attuale Europa neoliberista. I movimenti sociali, le lotte sociali e dei cittadini hanno proprie dinamiche, autonomia di analisi, proposta e iniziativa. Siamo in favore non solo della difesa dei diritti dei lavoratori, del movimento sindacale contro qualsiasi discriminazione ma anche della creazione di nuovi diritti dei lavoratori, compresi disoccupati e precari, dell’allargamento della democrazia nei luoghi di lavoro e nella vita economica a tutti i livelli, compreso quello europeo.
Sosteniamo un modello di sviluppo sociale, ecologico e sostenibile ed una ristrutturazione dell’economia basata sulla difesa dell’ambiente e del clima, fondata sul principio di precauzione., attraverso l’utilizzo di tecnologie a favore dell’ambiente, della solidarietà sociale, creando nuovi lavori e il sostegno alle regioni svantaggiate del pianeta.
Nell’ambito del processo decisionale in Europa, promuoviamo un ruolo di maggior rilievo per il Comitato delle Regioni e il Comitato Sociale ed Economico, in quanto organi statutari rilevanti per le politiche regionali democratiche nell’Ue.
Nell’Unione europea ci sono molti interessi in conflitto. Per noi, ciò crea un nuovo spazio politico per la lotta di classe e per difendere gli interessi dei lavoratori e della democrazia, di una società europea con le sue organizzazioni e istituzioni, compreso il Parlamento europeo.
La Sinistra Europea si impegna a lottare per far sì che i grandi cambiamenti auspicati diventino realtà, in un contesto di costante rafforzamento della pace, della democrazia e della giustizia sociale.
Lottiamo insieme per una nuova società, per un mondo di giustizia libero dalla guerra e dallo sfruttamento.
Insieme diciamo: Un’altra Europa è possibile , il futuro è qui, la storia non finisce

Print Friendly

Lascia un commento »